Cerca nel blog

mercoledì 20 luglio 2016

Pietro Ferruzzi - Il sigillo di Aetherea (Recensione)




Trama
Dopo la morte dell'Arcano Supremo Ragnvald, il regno di Oppas conosce finalmente un periodo di pace e prosperità, ma il male un tempo evocato ha continuato a tessere un'atroce trama per compiere la propria vendetta. Un gruppo di adolescenti si trova improvvisamente a dover affrontare durissime prove tra complotti, battaglie, creature fantastiche e misteriose in un'avvincente corsa contro il tempo.


Recensione:
Ringrazio di cuore Pietro Ferruzzi e la casa editrice per avermi permesso di leggere questo libro d’esordio, stupendo. 
Subito dopo aver letto le prime righe della trama sono stato catturato dalla vicenda. E la mia scelta è stata azzeccatissima.


Leggendo il prologo ci troviamo subito invischiati nella vicenda di una guerra millenaria fra il bene e il male. 


Per gli amanti del epic fantasy questo romanzo non può mancare nelle librerie. Se posso azzardare a fare un paragone, non per la trama, ma per i personaggi che incontriamo, citerei Il signore degli anelli, Warcraft. Da notare che mi riferisco soltanto ai personaggi. La trama non si avvicina minimamente ai romanzi citati.
Di cosa parla il romanzo? 
Di un male antico che vuole dominare le terre di Oppas,  un male che era stato sconfitto grazie all’unione del forze degli umani con i troll.  Ma ora questo male è alle porte e personaggi inaspettati dovranno assumersi il peso sulle proprie spalle per salvare il mondo. 



In questo romanzo, impregnato di magia, incontreremo creature quali: troll, nani, maghi,  folletti, berserker.  Di solito una così vasta moltitudine di personaggi potrebbe indurre in un “sovraccarico” che porterà ad una trama “pesante”. Dimenticatevi questa cosa! L’autore, pur essendo emergente, ha uno stile di scrittura fluido che permette a questi personaggi di amalgamarsi nella trama senza problemi. Si trova anche qualche accenno a un’altra creatura molto amata dagli amanti del fantasy: i draghi.



Tornando alla trama, un gruppo di ragazzi, dovrà far fronte fra mille problemi, a salvare il mondo dall’invasione di questa creatura millenaria.

Non mancheranno dolori, che renderanno la storia ancora più reale e avvincente,  ma anche storie d’amore. I miei personaggi preferiti sono due. Mi sono “innamorato” di Viola, una bambina tenera e dolce ma con un grande carattere; l’altro personaggio è Marek che mi ha fatto penare in una maniera allucinante. Ogni personaggio, in questo romanzo, parte con un proprio bagaglio culturale e caratteriale e, alla fine del romanzo,  si ritrova cambiato, maturato. Le leggende e i paesaggi le ho trovate molto suggestive. Ho amato la descrizione dell’evento dell’allineamento delle due lune, una rossa e una bianca.  La trama è ben delineata e senza lacune. Che altro dire?!? ATTENDO IL SEGUITO

Giudizio: 5 su 5

Nessun commento:

Posta un commento