sabato 25 febbraio 2017

In arrivo PAUL BEATTY, "Slumberland

Paul Beatty

SLUMBERLAND

Trad. Silvia Castoldi / collana Le Strade / pp. 318 /euro 18.50


Dal vincitore del Man Booker Prize 2016, arriva in libreria un romanzo osannato dalla critica in cui Paul Beatty, con tono provocatorio e humour raffinato, riflette sulla questione razziale, sulle relazioni uomo-donna e sulla musica, costruendo un graffiante ritratto delle contraddizioni di quegli anni. Ambientato a Berlino nel 1989, è la storia Dj Darky, un nero di Los Angeles che sogna di ritrovare Charles Stone, in arte Schwa, mitico musicista dell’avanguardia jazz, e fargli suonare il suo perfetto pezzo beat.
L’autore sarà a Roma a metà marzo, tra gli ospiti principali del festival Libri Come.



Il libro Berlino, 1989. Dj Darky è nero, viene da Los Angeles e ha un sogno: trovare Charles Stone, in arte Schwa, mitico musicista dell’avanguardia jazz, e fargli suonare il suo perfetto beat. Il Muro cadrà a breve e una nuova città lo aspetta, sterminata e pullulante di vita: va scovato il suo cuore pulsante, ne va colto il battito, va fatto proprio.
Un’arteria tra tutte gli balza agli occhi, indicando la meta: un locale in cui si fa musica, lo Slumberland bar, dove si fa assumere come jukebox sommelier. In quei pochi, fumosi metri quadrati di impiantito sporco e ritmo perfetto, si apre così una nuova stagione di ascolto: un’educazione acustica, politica e sessuale che via via annette territori inediti, nuovi gusti musicali, nuove memorie fonografiche. Nel frattempo, come un caldo giro di basso che s’insinua lungo le strade vivaci della città, dj Darky passa da un letto tedesco all’altro mentre affila le armi di un’ironia argomentativa che non ammette limiti: sulla negritudine in quegli anni in America e in Europa, sulle relazioni tra uomini neri e donne bianche, sulla musica jazz e techno, sulla condizione dei tedeschi dell’Est dopo l’unificazione e quella degli afroamericani dopo le battaglie per i diritti civili.

Paul Beatty, una delle voci più pungenti d’America, ci regala un irresistibile sound letterario, un graffiante ritratto delle contraddizioni di quegli anni, ma soprattutto un atto d’amore per la musica, a suo vedere l’unica cifra con cui è possibile misurare la realtà e la vita.



Hanno detto di Slumberland:

Uno scrittore maledettamente talentuoso». The New York Times
«Quello che Gore Vidal ha fatto per le questioni sessuali e di genere, Beatty l’ha fatto per la razza e gli afroamericani». Washington post
Hanno detto de Lo schiavista:

«Il romanzo più originale della stagione». Antonio Monda, la Repubblica
«Il libro più scorretto (e rivoluzionario) degli ultimi anni. Come Comma 22 di Joseph Heller e Lamento di Portnoy di Philip Roth» Michele Neri, Vanity Fair
«Paul Beatty racconta un’altra possibilità (anche comica) di riscatto». Paolo Giordano, La Lettura - Corriere della Sera
«Ha talento da vendere, e fa con i neri quello che soltanto un suo collega ebreo potrebbe fare con gli ebrei. Si libera cioè di ogni prudenza, discrezione, tabù. E vuota il sacco». Franco Marcoaldi, D - la Repubblica
Paul Beatty È nato nel 1962 a Los Angeles. Ha studiato Scrittura creativa al Brooklyn College e Psicologia alla Boston University. È autore di quattro romanzi e curatore di un’antologia, Hokum: An Anthology of African-American Humour. Con Lo schiavista, pubblicato da Fazi Editore, ha vinto il Man Booker Prize 2016: il primo americano nella storia a vincere il prestigioso premio. Attualmente vive a New York e insegna alla Columbia University.

Nessun commento:

Posta un commento