martedì 29 novembre 2016

Recensione: Giulia Anna Gallo - L'ombra della Cometa (Arest saga #1)

Giulia Anna Gallo - L'ombra della Cometa (Arest saga #1)




Una terribile disgrazia ha colpito il branco mutaforma del quale fanno parte i fratelli Villa, costringendo i giovani lupi a dare la caccia al responsabile delle sciagure che continuano ad abbattersi sulla loro famiglia. Loris è sempre stato un ragazzo esuberante e dalla battuta pronta, ma la grave perdita subita fa vacillare le sue certezze. Mentre i problemi e le preoccupazioni lo tormentano, il destino decide di fargli incontrare la sua arest: compagna per la vita alla quale potrebbe decidere di legarsi indissolubilmente. Tra pericoli e insidie, proprio l’anima gemella di Loris potrebbe essere la chiave per svelare l’identità di un nemico che resta celato nell’ombra. Ma sarà più importante la vendetta o seguire il cuore?


DICONO DEL ROMANZO:

“Un romanzo - una dolce chicca italiana del fantasy - che scivola fluidamente tra creature mitologiche, leggende, miti e credenze millenarie. Personaggi che restano nel cuore, che incuriosiscono e da cui non vorresti separarti tanto presto.” (NOTTING HILL BOOKS)

“Un romanzo da leggere tutto d'un fiato. E questo è merito proprio dello stile, scorrevole e sempre piacevole. Le descrizioni dei luoghi e dei personaggi sono dettagliate ma allo stesso tempo mai pesanti e consentono al lettore di immedesimarsi meglio nella storia.”(SCAFFALI DA RISCRIVERE)

“Ho apprezzato lo stile diretto, semplice e pulito, che descrive in modo chiaro le vicende, rendendo facile seguire il filo della trama. L'autrice ha creato un'ambientazione ben costruita, curata, articolata e credibile. Mi ha favorevolmente stupita.” (NEW ADULT ITALIA)


Recensione
Ringrazio Duwich edizioni per la possibilità che mi ha offerto di conoscere l’ennesima attico italiana. Era da un po’ che avevo in lista la lettura di questo romanzo. Non volevo iniziato soprattutto perché facente parte di una saga, ma si sa quando un romanzo chiama è nostro dovere rispondere. E così ho fatto mi sono fatto scegliere dal romanzo è ho aperto la prima pagina. 
Nel romanzo vengono trattate le vicende di alcuni branchi di mutaforma, che vivono in Italia, in particolare il branco dei Cometa che verrà quasi spazzato via da un assassino misterioso. 
Die,  Loris,  Giulia e, in seguito, Fiamma, saranno i protagonisti principali delle avventure che questi personaggi dovranno affrontare nella ricerca della vendetta dei propri genitori. 
Die è il ragazzo, lupo nella sua forma animale, si perché il branco dei Cometa, sono lupi, che prenderà il posto di alfa per guidare suo fratello e sua sorella verso gli enigmi che li aspettano. Durante il loro cammino incontreranno cratere mitologiche,  che neanche io conoscevo, che cercheranno di ucciderli. 
Mentre i sopravvissuti si preparano a dare la caccia al misterioso assassino, Loris incontrerà la sua arest, Fiamma, appartenente ai mutaforma delle volpi. 


Una sorta di corrente elettrica mi attraversa il braccio e mi fa tremare testa e cuore, scuotendomi contemporaneamente l’anima. Un calore penetrante mi vibra sulla pelle nel punto in cui la sua vi si sovrappone. Sobbalziamo entrambi e sento lo stupore dell’uno confondersi con quello dell’altra. Tutto a un tratto sono consapevole di lui a un livello più profondo, connessa a un altro essere vivente in modo mai sperimentato prima.

Loris e Fiamma decidono così di passare due settimane insieme, come da tradizione, per decidere se stare insieme per il resto della loro vita.


E, nel frattempo, dovranno pensare anche a scovare l’assassino grazie a personaggi misteriosi quali il Mercante di Sogni e la Veggente, per la quale dovranno compiere delle missioni affinché gli sia rivelato, o meglio indirizzato, il luogo dove trovare l’assassino.
Si tratta di un romanzo fluido, che si legge tutto d’un fiato senza neanche rendersi conto dello scorrere delle pagine. I personaggi sono simpatici, ironici, ma anche dotati di carattere.  I miei preferiti, essendo un romantico, sono Fiamma e Loris. Mi piacciono i loro caratteri e i loro modi di fare, le loro paure. Paure che tutti noi abbiamo prima di inoltrarci in una storia d’amore.




Giudizio: 4 su 5

Nessun commento:

Posta un commento